BRACCIANTI STRANIERI: MEDU PRESENTA IL RAPPORTO SULLE CONDIZIONI DI VITA E DI LAVORO NELLA PIANA DI GIOIA TAURO

Categories: Comunicati

 

I dati e le testimonianze raccolti da Medici per i Diritti Umani durante l’ultima stagione agrumicola saranno presentati

 

Mercoledì 12 aprile alle ore 10
Sala Consiliare
Comune di San Ferdinando (RC)

 

Braccianti

Roma, 05 aprile 2017 – Medici per i Diritti Umani (Medu), organizzazione umanitaria indipendente, è tornata per il quarto anno consecutivo nella Piana di Gioia Tauro offrendo assistenza socio-sanitaria nella tendopoli e nella fabbrica occupata di San Ferdinando. Sono stati 553 i pazienti seguiti e oltre 700 le visite effettuate dalla clinica mobile di Medu nel periodo compreso tra dicembre 2016 e marzo 2017. E’ un quadro di privazione dei diritti più elementari quello che emerge dalle centinaia di dati e testimonianze raccolti. Il nuovo rapporto sarà presentato mercoledì 12 aprile alle ore 10°° presso il Comune di S. Ferdinando. Tra gli invitati, le associazioni che operano nell’area nonché le principali istituzioni del territorio: Regione, Comune di Rosarno e San Ferdinando, Prefettura, Questura, Protezione Civile.

Il report finale sarà corredato da una mappa sonora, curata da Medu ed Echis, accompagnata dalle foto di Nadia Lucisano e dalle musiche di Nosenso. Il reportage audio racconta le storie di alcuni dei protagonisti della filiera degli agrumi nella Piana di Gioia Tauro, attraverso le testimonianze raccolte  tra ghetti ed aranceti.

Si prega confermare presenza della stampa
Per interviste contattare
comunicazionefirenze@mediciperidirittiumani.org

Ufficio stampa 3343929765 / 0697844892 info@mediciperidirittiumani.org

Medici per i Diritti Umani (MEDU) ha avviato dal 2014 il progetto Terragiusta. Campagna contro lo sfruttamento dei lavoratori migranti in agricoltura. Il progetto è realizzato con il supporto di Fondazione con il Sud, Open Society Foundations e Fondazione Charlemagne. I partner del biennio 2016-18 sono Flai-Cgil di Gioia Tauro, Comune di Rosarno, Arci Iqbal Masih di Venosa, Terra!Onlus, Zalab, Amisnet.