Comunicati

comunicati-news-appelli di MEDU

SGOMBERO CAMPO NOMADI OSMANNORO (SESTO FIORENTINO)

Medici per i Diritti Umani giudica inaccettabile la metodologia dello sgombero del campo nomadi di via del Cantone all’Osmannoro condotto nella giornata ieri dal Comune di Sesto Fiorentino. La procedura seguita, oltre a non rispettare la dignità delle persone presenti, rischia di mettere in pericolo la salute degli abitanti e quella della stessa collettività. Parlare…

comunicati-news-appelli di MEDU

Società Italiana di Medicina delle Migrazioni

Medici per i Diritti Umani aderisce all’appello della Società Italiana di Medicina delle Migrazioni volto al ritiro degli emendamenti all’art.35 del Testo Unico sull’Immigrazione Dlgs 286/98 presentati dalla Lega Nord in sede di Commissione congiunta Giustizia ed Affari Costituzionali del Senato. Tali emendamenti porterebbero tra l’altro all’eliminazione della norma che garantisce l’accesso alle strutture sanitarie…

comunicati-news-appelli di MEDU

Costruzione di un centro di identificazione ed espulsionea Campi Bisenzio (FI)

L’Associazione Medici per i Diritti Umani esprime grande preoccupazione per la notizia, appresa dagli organi di stampa, della decisione da parte del Governo di costruire un nuovo CIE nel comune di Campi Bisenzio (FI). A seguito delle visite svolte negli altri Centri presenti sul territorio nazionale, al cui modello il nuovo centro con tutta probabilità…

comunicati-news-appelli di MEDU

Rapporto sulla situazione al campo Rom di Via Lucchese

Firenze, 8 luglio 2008 COMUNICATO STAMPA: rapporto sulla situazione al campo Rom di Via Lucchese A seguito del nostro ingresso nel campo rom dell’Osmannoro (Sesto Fiorentino, Firenze) avvenuto ieri 7 luglio ore 20.00, risulta che i 50 persone, tra cui 20 donne e 4 minori, continuano a vivere tra i rifiuti e le macerie delle…

comunicati-news-appelli di MEDU

Decesso nel CPT “BRrunelleschi” di Torino

Nel giugno di 2 anni fa Medici per i Diritti Umani presentava, insieme al Gruppo di Lavoro sui CPT, un rapporto sul centro di permanenza temporanea di Torino e ne chiedeva l’immediata chiusura per “l’assoluta inadeguatezza della struttura” ritenendo che il centro mancasse dei requisiti minimi per svolgere le funzioni dell’accoglienza nel rispetto della dignità…