Comunicati

comunicati-news-appelli di MEDU

Ex ambassade de Somalie à Rome : la situation humanitaire de 140 réfugiés est alarmante.

Médecins pour les droits humains (MEDU) lance un appel aux institutions (Ministère de l’Intérieur, Région, Province, Mairie) afin qu’elles adoptent de toute urgence des solutions d’accueil dignes et des parcours d’intégration en faveur des 140 réfugiés somaliens, contraints de vivre dans des conditions inhumaines, dans les locaux de l’ex ambassade somalienne de rue des Villini,…

comunicati-news-appelli di MEDU

Ex-ambasciata somala a Roma: grave la situazione umanitaria di 140 rifugiati.

Medici per i Diritti Umani (MEDU) lancia un appello alle istituzioni (Comune, Provincia, Regione, Ministero dell’Interno) affinché si individuino con urgenza soluzioni di accoglienza dignitose e percorsi di integrazione per circa 140 rifugiati somali costretti a vivere in condizioni disumane presso l’ex-ambasciata somala di Via dei Villini a Roma. In un edificio fatiscente, e nei…

Press release

Sequestri, torture e stupri nel deserto del Sinai

Situazione dei profughi provenienti dall’Africa Aggiornamento di Physicians for Human Rights – PHR Israele (Medici per i Diritti Umani Israele) Rifugiati e richiedenti asilo in fuga da conflitti, genocidi, carestie e torture affrontano un viaggio estremamente difficoltoso senza alcuna assistenza sanitaria. Migliaia di persone fuggono da Eritrea, Etiopia, Sudan e altri paesi africani in cerca…

comunicati-news-appelli di MEDU

Trattamento sanitario obbligatorio per le persone senza dimora con malattie mentali. Dal Sindaco di Roma una proposta inquietante.

Lettera aperta al Sindaco di Roma, Gianni Alemanno Egregio Signor Sindaco, Medici per i diritti umani (MEDU) e Medici contro la tortura esprimono forte preoccupazione nell’apprendere dai mezzi di informazione della Sua recente proposta di estendere dagli attuali 14 giorni a 6 mesi il periodo massimo di trattamento sanitario obbligatorio (TSO) per le persone senza…

comunicati-news-appelli di MEDU

Accoglienza dei profughi afgani all’Ostiense: dalle istituzioni una prima risposta necessaria ma non sufficiente

Medici per i Diritti Umani (MEDU) e la Rete di tutela dei rifugiati afgani esprimono apprezzamento per la temporanea soluzione della crisi umanitaria e di accoglienza di almeno 150 profughi afgani obbligati a vivere in condizioni abitative ed igienico-sanitarie disastrose presso la stazione Ostiense (si veda il video dell’attuale situazione). I profughi verranno ospitati da…