Notizie Solidali


NEWSLETTER – Ottobre 2016


QUANTI MORTI SERVONO?

Esodi - Migranti Roma Capitale

Foto Ap/Ansa

 

Non si conosce ancora con esattezza il numero di morti del naufragio del 3 ottobre 2013 avvenuto a mezzo miglio da Lampedusa.

Sono 266 le vittime accertate e 20 ancora i presunti dispersi. Sono oltre 25 mila i migranti morti nel Mediterraneo dal duemila ad oggi; la maggior parte negli ultimi tre anni. Degli uomini, delle donne e dei bambini del Corno d’Africa e dell’Africa occidentale seppelliti sotto la sabbia del Sahara nessuno mai saprà il numero esatto. Di quelli morti nei centri di detenzione, sequestro e tortura della Libia, nemmeno. All’indomani di un altro tragico naufragio nel Canale di Sicilia, quello del 18 aprile 2015, in cui perirono oltre 800 persone, un giornale tedesco si chiedeva quante persone dovessero morire perché l’Unione europea (e la comunità internazionale, aggiungiamo noi ! ) iniziasse ad occuparsi dell’emergenza dei migranti. Il giornale concudeva: “Il 20 aprile abbiamo avuto una risposta cinica e brutale: almeno mille”.

Nel rifiuto di questa logica e di qualsiasi retorica, vi invitiamo a scoprire la mappa web interattiva ESODI di Medu, voce di mille migranti che raccontano il loro viaggio.



MAPPA WEB INTERATTIVA – ESODI/EXODI



ESODI racconta nel modo più semplice e dettagliato possibile le rotte affrontate dai migranti dall’Africa subsahariana all’Italia, le difficoltà, le violenze, le tragedie e le speranze attraverso le voci dei protagonisti. E’ rivolta a tutti coloro che vogliono comprendere e approfondire la vicenda umana che più sta segnando il nostro tempo. In questo senso ESODI è allo stesso tempo una mappa con le tappe e i percorsi, un report con i dati e le statistiche ma soprattutto una testimonianza con le storie di vita. E’ una mappa web dinamica e in progress che si arricchirà periodicamente di nuove testimonianze raccolte da tutti coloro che vorranno raccontare la storia del loro viaggio.


Sostienici con una donazione  >>



condividi su Facebook condividi su Twitter